Camminare fa bene alla salute: benefici e consigli di mindset

Stare tutto il giorno in ufficio, sotto stress, induce le persone a desiderare relax. Così, appena tornati a casa, l’unica cosa che desideriamo fare è buttarci sul divano e guardare un film o la serie tv del momento, anche se sappiamo che camminare fa bene alla salute.

Ma il corpo necessita di muoversi: basta davvero poco, come una passeggiata di 30 minuti al giorno, per godere dei benefici che una semplice camminata può portare alla nostra salute.

In questo articolo scoprirai perché camminare fa bene alla salute: vedrai i benefici e i nostri consigli pratici per trasformare la camminata in abitudine.

Perché camminare fa bene alla salute?

Fare una camminata di 20-30 minuti al giorno è un toccasana naturale per la tua salute.

Infatti, se da un lato camminare aiuta a bruciare calorie, dall’altro è in grado di svolgere alcune funzioni che migliorano il benessere fisico e mentale della persona.

Perciò non considerarla solo come un’attività che ti consente di perdere peso, ma anche come un modo per stare bene con te stessa, nel corpo e nella mente.

Camminare mezz’ora al giorno ti permetterà di godere dei seguenti benefici.

Migliora la circolazione sanguigna

Camminare aiuta ad aumentare l’elasticità dei vasi sanguigni: il sangue incontra meno resistenza e la pressione e il colesterolo si riducono.

Ciò si traduce in meno rischi di infarti e ictus, oltre che a prevenire i problemi cardiaci.

Migliora l’attività cardiaca

Una semplice attività fisica come la camminata stimola l’accrescimento della massa del cuore, rendendolo più efficiente.

Riduce la cellulite, massaggiandoti

Molte zone della pianta dei piedi sono collegate ad alcuni organi del corpo: camminando comprimerai e rilasserai il loro sistema vascolare, producendo un massaggio benefico e tonificante per l’interno corpo.

Perciò ogni passo, abbinato ad una migliore circolazione cardiovascolare, diventa un massaggio in grado di combattere la cellulite e delocalizzare il grasso sottocutaneo.

Migliora l’umore

Camminare rilassa. E quando ci si rilassa la mente sta meglio e riduce i livelli depressivi: camminando procurerai a te stessa dei sonni tranquilli e una maggiore soddisfazione emotiva e mentale.

Infatti l’attivazione dei muscoli stimola il rilascio di endorfine e serotonina, sostanze in grado di garantirti un senso di benessere generale.

Tonifica i muscoli e rinforza le ossa

Quando cammini, la fibra muscolare si ossigena e rinforza. E dato che coinvolgi i principali muscoli del corpo nei movimenti, sarai in grado di beneficiare di una tonificazione generale.

Inoltre rinforzi le ossa e mantieni giovane il tessuto scheletrico.

Riduce il rischio di cancro al seno

Secondo uno studio dei ricercatori dell’American Cancer Society pubblicato su Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention (rivista dell’American Association for Cancer Research), il rischio di cancro al seno può diminuire del 10% nelle donne in menopausa che camminano almeno 30 minuti al giorno, rispetto alle donne con stili di vita sedentari.

Mantiene elastiche le articolazioni e l’apparato respiratorio

Le articolazioni nei tendini e nei legamenti rimangono molto elastici grazie alla stimolazione del movimento naturale.

Lo stesso discorso vale per l’apparato respiratorio, dato che i muscoli della cassa toracica, rafforzandosi, aumentano lo spazio disponibile per i polmoni che possono espandersi quando sono pieni di ossigeno.

Fa perdere peso

Volutamente lasciata per ultima, per dare rilievo ai suoi benefici meno conosciuti, la camminata è senza dubbio un ottimo modo per perdere peso.

Abbinare una sana alimentazione alla camminata, oltre che una certa dose di costanza, permette al tuo corpo la possibilità di bruciare grassi, garantendogli la perdita di peso e il mantenimento del peso forma.

Ovviamente il numero di calorie bruciate, a parità di tempistiche e chilometri percorsi, varia da persona a persona: fattori come il peso, l’età e il sesso sono cruciali nella perdita di grasso.

Inoltre è consigliato svolgere, in abbinamento, un’adeguata attività fisica affinché tu riesca a dimagrire più velocemente.

Ragazza con scarpe da ginnastica fucsia e azzurre cammina in equilibrio su un binario del treno

Tutto inizia dalla mente: 6 consigli di mindset

Spesso ciò che ci fa rinunciare ad una semplice camminata, così come l’attività sportiva, è la mancanza di un obiettivo e di un metodo che ci diano la spinta giusta per perseguire il nostro scopo.

Ecco perché per trasformare un’attività in routine, anche una passeggiata, è necessario prima di tutto lavorare sulla mente, piuttosto che sul corpo.

Vediamo subito i consigli di mindset per riuscire a costruire la tua routine di camminata.

Parti dal perché

Prima di ogni quesito, la domanda cruciale che devi porti è “Perchè voglio iniziare a camminare?”

Spesso ci si sofferma alla risposta più scontata, ovvero “Perché voglio perdere peso”. Ma se scavi più a fondo scoprirai che il vero motivo per cui vuoi farlo nasce da un pensiero più profondo.

Fissa l’obiettivo

A questo punto devi fissare l’obiettivo da perseguire come “Voglio camminare 3 chilometri al giorno” oppure “Ogni mattina, prima di fare colazione, voglio camminare 10 minuti”.

Visualizza il tuo “io” futuro

Potrebbe sembrare stupido, ma focalizzarti sulla te stessa del futuro, la persona che riuscirà a camminare chilometri e chilometri al giorno, è un ottimo modo per non perderti d’animo durante la costruzione della tua routine.

Parti in piccolo

Volere troppo è controproducente, almeno all’inizio. Per trasformare un’attività in routine devi iniziare a piccole dosi.

Nell’esempio di prima abbiamo volutamente scritto “Voglio camminare 3 chilometri al giorno”: è un po’ troppo per chi è agli inizi, non trovi?

Un consiglio valido è, ad esempio, quello di iniziare a percorrere 3 chilometri, ma a settimana! Il rischio, altrimenti, è quello di non riuscire a rispettare l’obiettivo prefissato.

Il risultato di ciò? Ti scoraggi e abbandoni la camminata.

Sii costante

Per vedere i risultati ci vuole tempo. Lo stesso vale per costruire una routine: all’inizio potrà sembrare strano.

Potresti sentirti fuori posto, svogliata. Ma per costruire una routine ci vogliono circa 3 mesi: dopodichè tutto sarà più facile e piacevole!

Tieni traccia dei tuoi progressi

Tenere traccia dei tuoi progressi ti permette di monitorare la tua attività: app come Runtastic tracciano il percorso, monitorano calorie bruciate e tempistiche.

Avere il tuo “storico” sott’occhio ti aiuterà a vedere nel tempo i tuoi miglioramenti: è un ottimo modo per mantenere una mentalità positiva!

Fai il pieno di energia dopo una lunga passeggiata

Sei appena tornata da camminare e ti è venuta voglia di un sano spuntino?

La linea di barrette, capsule e integratori proteici Ti.Nutre è perfetta per te, soprattutto se oltre alla camminata pratichi attività sportiva!

Sono disponibili i gusti al cioccolato, cocco e vaniglia e ti forniranno la giusta energia per proseguire le tue attività giornaliere.

Se invece ti senti spesso gonfia dopo i pasti, prova Ti.Riduce: è la tisana perfetta per stimolare il metabolismo e per rimanere idratata quando cammini (non è adatta a chi ha problemi alla tiroide).

Ti piace l'articolo?

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter

Ultimi articoli

Ottieni la borsa mare in omaggio

Con l’acquisto di tre creme solari.