Stadi della cellulite: quali sono e come rimediare

Siamo vicini alla bella stagione e la tanto chiacchierata “prova costume” è alle porte, e per farla ci vuole ben più della dieta dell’ultima ora.

Per affrontarla senza ansia dovrai procedere a piccoli passi, seguendo una serie di suggerimenti volti a curare il tuo organismo.

Seguire un’alimentazione sana e svolgere una costante attività fisica sono i consigli più scontati ma assolutamente efficaci: è bene ribadirlo.

C’è solo un “nemico” difficile da eliminare: la cellulite.

Se ancora la vedi sulle tue gambe, sappi che per combatterla dovrai prima conoscerla bene e poi agire a seconda dei vari casi. Vediamo dunque cos’è la cellulite e i suoi stadi.

Cellulite e ritenzione idrica: qual è la differenza?

Prima di analizzare questo fenomeno, facciamo un po’ di chiarezza su due inestetismi legati tra loro ma molto spessi erroneamente utilizzati come sinonimi: la cellulite e la ritenzione idrica.

Pelle normale vs cellulite
Pelle normale vs cellulite

Entrambe indicano due condizioni molto differenti, vediamole adesso.

Cos’è la ritenzione idrica

La ritenzione idrica è la tendenza delle cellule a trattenere eccessivamente liquidi, sali e tossine che non si distribuiscono bene e si accumulano tra i tessuti.

Per riconoscerla c’è un piccolo trucco: premi con un dito sulla pelle e se si forma un alone bianco dopo aver esercitato la pressione, allora puoi star certo che si tratta di ritenzione.

Cos’è la cellulite?

La cellulite e i suoi stadi, al contrario, non sono solo un accumulo di grasso ma la conseguenza di processi infiammatori che riguardano i vasi sanguigni, il tessuto adiposo e quello interstiziale.

Per questo motivo non è un fenomeno che colpisce solo le donne più robuste, ma anche le più snelle.

Pelle a buccia d’arancia

Tra le più classiche manifestazioni della cellulite ci sono i cosiddetti “buchetti” o “pelle a buccia d’arancia”.

Gamba con problemi di cellulite, quindi pelle a buccia d'arancia
Pelle a buccia d’arancia

Le zone colpite sono generalmente fianchi, glutei, cosce ma anche braccia e polpacci: queste zone risultano poco elastiche, hanno una sensibilità ridotta e al tatto risultano granulose e fredde.

Nei prossimi paragrafi andremo ad analizzare proprio i quattro stadi in cui possiamo suddividere la cellulite in base alla “gravità” con la quale si manifesta.

1° stadio: cellulite edematosa

Il primo mattoncino della piramide composta dai tanti tipi di cellulite è sicuramente quello più facile da affrontare perché contraddistinto dalla stasi venosa e dal ristagno di liquidi interstiziali.

Solo comprimendo la pelle o irrigidendo il muscolo si notano i primi segni tipici della “buccia d’arancia”.

La cellulite edematosa colpisce prevalentemente la parte bassa delle gambe, i piedi e le caviglie, dando origine alle cosiddette “gambe a colonna”.

I rimedi più diffusi per la cellulite edematosa

Ogni giorno proviamo a combattere quella buccia d’arancia che ci vediamo costantemente allo specchio, e con alcuni consigli è possibile attenuarla visibilmente.

Cambiare lo stile di vita è un primo passo: mangiare sano e bene, bere tanta acqua e non dimenticare di mettere in tavola frutta e verdura di stagione.

È importante riattivare il metabolismo cellulare ormai sopito con l’attività fisica, e contemporaneamente ricorrere a creme e integratori che possono dare una mano a sconfiggere questo inestetismo.

2° stadio: cellulite fibrosa

Nel secondo stadio, caratterizzato dal primo danno a livello cellulare, si sviluppa una fibrosi reattiva con formazione di piccoli noduli.

È la cellulite fibrosa, in cui è già più evidente il caratteristico aspetto “a buccia d’arancia” della cute nelle zone colpite. Anche la cellulite fibrosa è domabile, basta solamente avere costanza.

3° stadio: cellulite sclerotica o molle

Siamo al terzo stadio con la cellulite sclerotica o molle: in questa fase assistiamo alla presenza di noduli dolenti al tatto.

La cute risulta bucherellata mentre la microcircolazione funziona sempre meno: gli adipociti – cioè le cellule del tessuto adiposo – sono già ingrossati e vengono “ingabbiati” dalle fibre di collagene indurite, impedendo il fisiologico processo di ossigenazione dei tessuti.

La cellulite che raggiunge questo stadio può essere ancora curata ma non è detto che possa essere eliminata del tutto: per questo motivo è fondamentale “prenderla” in tempo e curarla durante il primo e il secondo stadio.

La cura giusta punta su massaggi mirati, ginnastica in acqua ed un’alimentazione povera di carboidrati.

4° stadio: cellulite a materasso

Nel quarto stadio, ormai irreversibile, l’aspetto della cute è particolarmente accentuato a causa della formazione di noduli più voluminosi e molto evidenti ad occhio nudo.

La cellulite a materasso è caratterizzata da infossamenti e gonfiamenti nella cute dall’aspetto estremamente duro e doloroso per la persona

Tra i diversi stadi della cellulite, il quarto non è dato soltanto dalla perdita di elasticità, ma può riguardare altri fattori come quelli genetici, accumuli di liquidi, ormoni ma anche problemi alla circolazione.

Contrasta la cellulite con Ti.nyou

Per contrastare gli inestetismi della cellulite, Ti.nyou ha pensato ad una soluzione per te.

Il Set Contrasto Cellulite è il cofanetto ideale per attaccare la cellulite attraverso il drenaggio dei liquidi del corpo.

Al suo interno troverai:

  • 1 Ti.Drena – Capsule per attaccare la cellulite ed alleviare il bruciore gastrico;
  • la tisana Ti.Drena per aiutarti a bere di più e per combattere la ritenzione idrica;
  • 1 Ti.Solleva per il corretto funzionamento del microcircolo;
  • una borraccia Ti.Bottle in OMAGGIO.

Ti piace l'articolo?

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter

Ultimi articoli

Ottieni la borsa mare in omaggio

Con l’acquisto di tre creme solari.